ANTINTRUSIONE

I MARCHI

Un tempo bastava un buon cane da guardia per garantire alla casa un livello di sicurezza superiore alla media e scoraggiare i delinquenti. Oggi la prima mossa da fare è montare una porta d’ingresso blindata preferibilmente dotata di una serratura d’ultima generazione: chiavi piccole, poco ingombranti e difficilmente falsificabili, grazie a una speciale protezione magnetica, simile a quella di alcuni antifurto per auto. Le porte blindate non bastano a fermare i ladri più determinati, che grazie all’utilizzo di ausili di vario genere riescono a intrufolarsi facilmente e a introdursi anche dalle finestre. Chi vive in una casa isolata o al piano rialzato di un edificio in città, deve allora rafforzare tutti gli infissi e, se necessario, dotarsi d’inferriate per assicurarsi un buon livello di protezione.  In ogni caso porte blindate, finestre con chiusure di sicurezza e inferiate sono solamente la base, la cosiddetta “protezione passiva”. Per quanto robusta e accurata, qualunque protezione passiva può essere violata da malviventi dotati di tempo sufficiente e di attrezzature idonee. Ecco perché il piano-sicurezza deve essere implementato con una protezione di tipo attivo, vale a dire con l’installazione, da parte di tecnici qualificati, di un sistema d’allarme antintrusione; dispositivi elettronici che, in caso d’intrusione, mettono in funzione delle sirene e che possono anche avvisare la centrale di polizia per un pronto intervento. 


prev next

RICHIEDI IL TUO PREVENTIVO